Info Comune di Buccheri Tel +39 0931.880359  0931.1969060

Edizioni  precedenti  2003 | 2004 | 2006| 2007| 2008| 2009 !2010

Home
Introduzione
Goliardicamente "Gola" ...tra vizio e piacere
Artisti

Programma/Spettacoli
19 agosto 201
1
20 agosto 201
1
21 agosto 201
1

Organizzazione
Contatti
News
link
Rassegna Stampa
Servizi
Ricettività
Photogallery
info@medfest.it  ufficiostampa@medfest.it
note legali


"Goliardicamente "GOLA"
... tra vizio e piacere"
'MEDFEST 2011

In questa edizione del MEDFEST la "GOLA" predomina prepotentemente. Scelto da me come tema ed inteso come un lecito peccato. Dalla gola oltrepassa il cibo, per la gola fluisce il vino come nettare portatore di dionisiaca ebbrezza, nella gola si ferma il respiro dato dall'estasi pèr Vista di emozioni provocate dalla magnificenza della danza, dello stupore della sensazione dell’arte e della musica. La gola è il sacro corridoio, l'anticamera dove tutto ciò che sta fuori entra nel nostro corpo raggiungendo la nostra anima. Si prova un nodo in gola quando si volgono gli occhi al cielo per ammirare lo sfavillio di giochi pirici che dipinge il plumbeo cielo notturno del MEDFEST. Ma "GOLA"nel senso più stretto: la famelica ingordigia di chi brama per saziare il proprio istinto. I sapori del cibo che, eccitando prima il palato
e poi i nostri sensi più reconditi, ci permettono di saziarci. Il cibo non è solo quello che materialmente riempie volgarmente il nostro stomaco, ma il cibo del MED-FEST, è insaporito di cultura, spruzzato d'arte, intinto di spettacoli, salato di danza. E' piccante come il fuoco. Quanta seduzione e sensualità è intrisa in questo nobile gesto ancestrale. Gli odori stordiscono e invadono le vie del borgo catturando i visitatori, come meretrici i cuochi e le locande provocano tumulti di sensi. Questa tematica trasforma l'intero paese in una tavola luculliana, ma non saziando la folla continua l'abbuffata con la spettacolarizzazione dei giullari, dei trampolieri, dei mimi e dei musici. Ma ancora non basta, bisogna cibarsi dell'ultima pietanza: faille, colori ansanti, sfolgorii pirici avvolgono il cielo di Buccheri. Il fuoco arde, il pentolone bolle, il piatto è pronto da servire il 19 - 20 e 21 Agosto 2011 ...
 

In this edition of Medfest the “Gluttony” predominates bossily. Theme chosen by me and understood as licit sin. Through the throat passes the food, the wine flows by the throat as nectar bearer of Dionysian intoxication, in the throat stops the breath caused by the ecstasy of emotions provoked by the magnificence of dance, by the wonder of feeling of art and music. The throat is the sacred hall, the anteroom where all that is out comes into our body reaching our soul. You feel a knot in the throat when you look at the sky to admire the sparkle of fireworks that colours the night plumbeous sky of Medfest. But “GLUTTONY” in the strictest sense: the ravenous greed of those who desire to satisfy his instinct. The flavours of the food that, firstly exciting our palate and then our deepest senses, let us sated. The food is not only materially that fills our stomach, but the food of MED-FEST, is seasoned with culture, art sprayed, sopped of shows, salty of dance. It’s spicy like fire. How much is imbued with seduction and sensuality in this noble and ancestral gesture. Smells stun and invade the streets of the village by capturing visitors, such as whores the cooks and the inns cause turmoil of senses. This theme changes the whole country into a Lucullan table, but not sating the crowd, the binge continues with shows of jesters, waders, mimes and musicians. But is not all, you have to eat the last meal: sparks, breathless colours, blazes of fireworks embrace the sky of Buccheri. The fire is burning, the pot is boiling, the dish is ready to serve on the 19th – 20th and 21st of August 2011...

Il Direttore artistico
Maria Liliana Nigro

 

Punto di incontro di culture e civiltà. Unione mistica di religioni,
riti e leggende.
Alchimia di lingue,
colori, ritmi e suoni.
Tutto questo fu
il medioevo siciliano:
ventre del Mediterraneo
e ancora più su,
fino ai Longobardi e ai Normanni.
Oggi potremmo definirle
prove tecniche di globalizzazione,
in un mondo
(quello medioevale)
che nel Mediterraneo
aveva il suo centro,
e nella Sicilia
il suo ombellico
.

© Copyright 2003/13 Comune di Buccheri. All rights reserved.

Realizzazione Art